itarnlenfrdeptrues

Gestione risorse idriche

La mancanza di un’adeguata manutenzione delle reti idriche determina  un inquinamento microbico dell’acqua che può diventare veicolo di microrganismi patogeni come Pseudomonas, Enterococchi e Legionella.

L’adozione di programmi di sanificazione garantisce la prevenzione attraverso un approccio innovativo verso la risorsa idrica e la tutela della salute.

La protezione e il controllo delle risorse  idriche  garantisce nel  tempo l’assenza di potenziali pericoli per il consumo dell’acqua.

Il mezzo più efficace per garantire costantemente la sicurezza di un sistema idrico è attraverso l’utilizzo di un approccio di valutazione e gestione del rischio globale che comprende tutte le fasi della filiera idrica dalla captazione al consumatore con l’obiettivo primario di proteggere la salute umana.

L’Organizzazione Mondiale della Saluta afferma che il mezzo più efficace per garantire costantemente la sicurezza di un sistema idrico è attraverso l’utilizzo di un approccio di valutazione e gestione del rischio globale che comprende tutte le fasi della filiera idrica dalla captazione al consumatore. Questo tipo di approccio, conosciuto come WPS - Water Safety Plans o PSA - Piano Operativo delle Acque. La base scientifica dell’approccio PSA è l’analisi di rischio con l’obiettivo primario di proteggere la salute umana. 

La Contaminazione microbica e il Biofilm nelle reti idriche

La contaminazione degli impianti idrici è frequentissima, e l’adozione di sistemi di stoccaggio e di filtrazione, e la natura degli stessi impianti, può essere veicolo di contaminazione e substrato di proliferazione microbica. All’interno degli impianti, quando gestiti male, si insediano e proliferano batteri, alghe e muffe, spesso addensandosi in una massa gelatinosa “biofilm” quale aggregazione complessa di microrganismi, contraddistinta dalla secrezione di una matrice adesiva e protettiva, dalla adesione alle superfici, dalla eterogeneità strutturale con interazioni biologiche complesse, e da una matrice extracellulare di sostanze polimeriche, spesso di carattere polisaccaridico.

Copia di biofilm legionella

Le cinque fasi di sviluppo del biofilm: (1) di attacco iniziale, (2) di fissaggio irreversibile, (3) Maturazione I, (4) Maturazione II, e (5) dispersione.

.circle { border-radius: 50%; -moz-border-radius: 50%; -webkit-border-radius: 50%; -o-border-radius: 50%; }